VILLARUFOLO 2.0 - SVELATI GLI ELEMENTI DECORATIVI DI EPOCA MEDIOEVALE IL RESTAURO SANCISCE LA “RESURREZIONE” DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Il passaggio dal vecchio all’antico è stato scandito attraverso un artifizio virtuale. All’imbrunire, quando l’immagine sovrapposta della vecchia facciata sud di Villa Rufolo è scomparsa di colpo per mostrare in tutto il suo splendore le tracce di un’epoca, quella medievale, mestamente nascoste per alcuni secoli da calce e intonaci di vario tipo. Da ieri le quattro trifore con archi e decorazioni in tufo nero impreziosiscono un monumento che vive da alcuni anni un nuovo “risorgimento”. “Longanesi sosteneva che alla manutenzione spesso si preferisce l’inaugurazione – ha detto il presidente della Fondazione Ravello, Domenico De Masi, nel corso della presentazione del restauro delle facciate del complesso monumentale – Il primato di Ravello è che qui stasera si è inaugurata una manutenzione. Il protagonista assoluto di tutto questo è Secondo Amalfitano che ama questa villa più di ogni altro ravellese”. De Masi, che in mattinata ha presieduto un consiglio di indirizzo presso la sala Frau in viale Wagner, ha ricordato l’importante ruolo sociale svolto a Ravello nel 1800 da due grandi personaggi quali Lord Grimthorpe (Villa Cimbrone) e Neville Reid, filantropo e ultimo proprietario del monumento oggi riportato al suo antico splendore.

Due inglesi che hanno portato qui il meglio del mondo e che qui hanno educato un sacco di gente”, ha detto il presidente di Fondazione Ravello che poi ha ricordato l’impegno per acquisire un altro storico manufatto della città della musica: la Rondinaia di Gore Vidal. “Quando con Amalfitano ci impegnammo per far vendere la Rondinaia alla Regione – ha ricordato De MasiVidal disse che non si fidava del pubblico. Oggi Villa Rufolo rifiorisce e male fece a non vendere alla Regione. Oggi ci sarebbe anche una fondazione in suo nome”. Prima della visita e la scoperta dei restauri e degli interventi realizzati in associazione temporanea di impresa da Salvatore Ronga srl, Dielle lmpianti srl e Impresa edile Ferrigno Michele sas, è stato il direttore di Villa Rufolo, Secondo Amalfitano, a illustrare con l’ausilio di immagini la metamorfosi del monumento. Un sorta di com’era e com’è oggi la storica residenza appartenuta alla potente famiglia dei Rufolo. “Oggi trionfano le istituzioni pubbliche – ha detto AmalfitanoPerché in questa avventura c’è tanto di pubblico: dagli accordi fatti con enti e università fino al supporto offerto negli interventi di restauro dalle istituzioni coinvolte come il comune, la soprintendenza. Saccheggiata dopo la morte di Neville Reid, Villa Rufolo ha vissuto un periodo di declino e di abbandono per l’assenza di un progetto. E quello che oggi è Villa Rufolo rappresenta il frutto di un progetto complessivo ma più ancora di un lavoro di squadra: dopo oltre cento anni dalla morte di Neville Reid (1892) oggi, Villa Rufolo, ha un progetto complessivo che stiamo realizzando tassello dopo tassello facendo seguire agli annunci puntuali realizzazioni. Abbiamo trovato tracce di interventi provvisori e precari per fronteggiare infiltrazioni e umidità, gli infissi che non tenevano neanche più l’acqua e il freddo, parti pericolanti di cornicioni, balconi costruiti per ricavare bagni, colonne fecali e tubi di scolo che passavano tra i fregi delle trifore riportate alla luce. Insomma questo monumento dal punto di vista statico non stava affatto messo bene ed a confermarlo sono state le indagini fatte con infrarossi e termo camere. Insomma durante i lavori abbiamo riletto il monumento acquisendo tanti altri elementi che se approfonditi ci consentiranno di riscrivere la storia del monumento”. Mille anni di storia che a breve saranno raccontanti nella torre maggiore dove sarà allestito un museo a metà tra la realtà (con l’esposizione di reperti e suppellettili) e il virtuale grazie all’impiego di nuove tecnologie. “Il punto di partenza sarà la Sala Nevile Reid – ha annunciato Amalfitano – dove sarà collocato il busto di Luigi Cicalese (storico giardiniere di Villa Rufolo) donato dal nipote Pasquale Cappuccio alla Fondazione Ravello”. Ma non è tutto perché in memoria proprio del grande filantropo britannico il direttore di Villa Rufolo presto proporrà agli organismi della Fondazione l’istituzione di un fondo attivato con parte dei proventi dei biglietti di ingresso al monumento. “Nevile Reid era un filantropo e questo potrebbe essere un modo per onorare la sua memoria creando un fondo da utilizzare per interventi di pubblica utilità” ha aggiunto Amalfitano. “Il patrimonio artistico e culturale è oggetto in questo momento di interventi cospicui grazie all’accelerazione della spesa che da un lato fa paura ma dall’altro sta dando la possibilità di mettere in cantiere importanti progetti – ha sottolineato il sindaco di Ravello, Paolo Vuilleumier –  Ravello oggi abbellisce uno dei suoi gioielli diventando sempre di più un modello da seguire per l’intera regione oltre a rappresentare un punto di riferimento per il territorio della Costiera Amalfitana”. Del ruolo di Ravello nei percorsi turistici d’eccellenza ha inoltre parlato il funzionario del Ministero dei Beni Culturali, Gennaro Miccio e il Commissario straordinario dell’EPT di Salerno, Angela Pace in rappresentanza degli enti proprietari di Villa Rufolo che dal 2006 è gestita da Fondazione Ravello. “Ravello è un luogo che produce cultura e alimenta il turismo – ha detto Angela Pace – E questo progetto che è diventato realtà costituisce a dare forza attrattiva al monumento diventato pubblico grazie a una felice intuizione di Roberto Virtuoso”. “Non abbiamo solo restaurato – ha aggiunto Gennaro Miccio – ma abbiamo dotato questo sito di servizi sempre più adeguati. Anche le decorazioni delle facciate sul lato sud della villa contribuiscono ad implementare le suggestioni. Il turismo oggi deve essere visto come un’azione combinata di elementi presenti sul territorio e offrire perciò il meglio delle specificità del territorio stesso”.
I “Lavori di valorizzazione e restauro del complesso monumentale di Villa Rufolo”, effettuati nel pieno rispetto della tabella di marcia, sono stati finanziati dalla Regione Campania con € 3.372.672,91 (rientranti nel FESR 2007/2013 nell’ambito dell’Obiettivo Operativo 1.9 Beni e siti culturali – Iniziative di Accelerazione della spesa) ed hanno interessato, oltre al restauro e alla riqualificazione delle facciate Sud e Ovest, il completamento degli impianti con la climatizzazione di tutti gli ambienti e la musealizzazione della Torre maggiore, già interessata dalle operazioni di recupero strutturale nell’ambito dei finanziamenti ARCUS.
Il complesso monumentale di Villa Rufolo, che è gestito dal 2006 da Fondazione Ravello, è stato oggetto di importanti interventi già dal 2010 quando oltre agli impianti di fertirrigazione, fu stretta un’importante intesa con Hp Italia che trasformò la Villa in un modello hi-tech grazie a un impianto di videosorveglianza e telecontrollo di ultima generazione. Nel corso del 2012 furono inoltre realizzati interventi sugli impianti e sui locali del teatro per circa 600.000 euro, mentre alla fine del 2013 vennero affidati i lavori di restauro e riqualificazione della torre maggiore e dell'auditorium per un importo complessivo di un milione di euro. Dopo la morte di Neville Reid e il lento declino del monumento, nei suoi primi dieci anni di gestione Fondazione Ravello è stata capace, grazie alla sua progettualità, di riconsegnare alla pubblica fruizione un bene totalmente restaurato e all’avanguardia.

Twitter Update

This user has reached the maximum allowable queries against Twitter's API for the hour.

Fondazione Ravello

Fondazione Ravello
Sala Frau
Viale Richard Wagner, n. 5
84010 Ravello (Sa) - Italia

tel. +39 089 858360
fax +39 089 8586278
e-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
pec: fondazioneravello@pec.fondazioneravello
.eu


www.fondazioneravello.it

Villa Rufolo
Piazza Duomo
84010 Ravello (Sa) - Italia

tel./fax +39 089 857621
e-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
pec: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

www.villarufolo.it

Ravello Festival

Box Office +39 089 858422
e-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

www.ravellofestival.com

Iscriviti alla Newsletter

e sarai aggiornato su tutte le attività della Fondazione Ravello

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our Privacy Policy.

I accept cookies from this site

EU Cookie Directive Plugin Information