INAUGURATA LA TORRE MAGGIORE DI VILLA RUFOLO E ANNUNCIATA LA 63ESIMA EDIZIONE DEL RAVELLO FESTIVAL: SI TERRÀ DAL 20 GIUGNO AL 5 SETTEMBRE

Si spalanca sul mare della Costiera: dal promontorio di Capo d’Orso fino al più estremo limite del blu. È la torre Maggiore di Villa Rufolo, l’emblema per mille anni del potere esercitato dalla famiglia Rufolo, restituita da oggi alla fruibilità di cittadini e turisti. Una delle torri più alte del circondario della Costa d’Amalfi che Fondazione Ravello e Arcus trasformeranno ben presto in un museo che terrà insieme reperti storici e tecnologia. Fino ad oggi conosciuta solo per la sua maestosa presenza esteriore la torre Maggiore dopo un importante progetto di restauro e valorizzazione si è aperta per la prima volta al pubblico grazie alla realizzazione di una scala in acciaio e vetro unica nel suo genere ispirata alle “scale impossibili” di Maurits Cornelis Escher.

In questa Villa si concentra un po’ tutto – ha detto il Commissario Straordinario, Antonio Naddeo, nel corso della cerimonia che ha preceduto il taglio del nastro – dall’arte alla cultura, alla musica. All’estero talvolta si valorizzano cose che non sono paragonabili col patrimonio del nostro Paese”. E il riferimento è all’attenzione che altre nazioni hanno per i beni culturali. Attenzione che però a Ravello ha prodotto importanti risultati in termini di valorizzazione del bene pubblico. “Questa torre si appresta, dopo aver rappresentato il potere dei Rufolo, a diventare il simbolo di come un bene culturale possa produrre economia – ha aggiunto il Direttore di Villa Rufolo, Secondo Amalfitanoe diventare volano economico. In questo manufatto non abbiamo solo realizzato una scala e un terrazzo, ma ci apprestiamo a far immergere il visitatore in mille anni di storia che andremo a raccontare attraverso reperti, immagini e suoni”. Il taglio del nastro, a cui ha partecipato anche l’ex presidente Renato Brunetta, è stato preceduto da una foto ricordo degli “Homines fabri” che hanno contribuito al raggiungimento di questo importante traguardo. La cerimonia di inaugurazione si è proposta anche come ponte ideale tra il recente passato e il futuro del Ravello Festival. È stato il direttore generale, Stefano Valanzuolo, ad annunciare data di inizio e fine della 63esima edizione (20 giugno – 5 settembre) che avrà come tema conduttore “InCanto”. “L’edizione 2015 inizierà e finirà nel nome di Wagner – ha detto Valanzuolo – Abbiamo visto un festival che negli ultimi cinque anni è stato capace di superare se stesso e l’auspicio è che ciò avvenga ancora. È tutto pronto: la nuova edizione al momento è come una statua perfettamente compiuta che attende solo di essere svelata”. 
La Torre sarà aperta al pubblico su prenotazione e nei limiti dei tempi di visita dalle ore 13 del 25 aprile e fino alle ore 18.45 di domenica 26 aprile.

 

Twitter Update

This user has reached the maximum allowable queries against Twitter's API for the hour.

Fondazione Ravello

Fondazione Ravello
Sala Frau
Viale Richard Wagner, n. 5
84010 Ravello (Sa) - Italia

tel. +39 089 858360
fax +39 089 8586278
e-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
pec: fondazioneravello@pec.fondazioneravello
.eu


www.fondazioneravello.it

Villa Rufolo
Piazza Duomo
84010 Ravello (Sa) - Italia

tel./fax +39 089 857621
e-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
pec: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

www.villarufolo.it

Ravello Festival

Box Office +39 089 858422
e-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

www.ravellofestival.com

Iscriviti alla Newsletter

e sarai aggiornato su tutte le attività della Fondazione Ravello

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our Privacy Policy.

I accept cookies from this site

EU Cookie Directive Plugin Information